Dalla memoria del corpo al corpo della memoria – itinerari di scrittura di sé

Dalla memoria del corpo al corpo della memoria – itinerari di scrittura di sé

Dalla memoria del corpo al corpo della memoria – itinerari di scrittura di sé

    67 – Caro corpo ti scrivo

    A CURA DI Il Portolano – scuola di scrittura autobiografica e narrativa
    CONDUCE Alberto Trentin

    Domenica 16 ottobre
    Dalle ore 16.00 alle ore 18.00

    Spazi Bomben – Fondazione Benetton Studi e Ricerche
    Via Cornarotta, 7 Treviso

     

    QUESTO LABORATORIO HA GIA’ RAGGIUNTO IL NUMERO MASSIMO DI PARTECIPANTI, ARRIVEDERCI AL PROSSIMO ANNO.

     

    Non si scrive solo con il pensiero. Servono le mani, ad esempio. Le dita rimbalzano sui tasti del pc, stringono una penna, muovono il polso; la fronte si corruga e si distende; si sorride con le labbra a un ricordo dolce, si tirano profondi sospiri di sollievo o di amarezza se arrivano pensieri tristi; si irrigidiscono il collo e le spalle di fronte a alcune immagini. Tutto si muove, muscoli, tendini, ossa, i sensi. Le viscere. Tutto serve a mettere in comunicazione il mondo interno con quello esterno. La scrittura è il mezzo che risolve la separazione mente-corpo: è una propaggine della psiche, un modo per rivelarci, anche inconsapevolmente. Quale rapporto fra linguaggio e scrittura? Forse che l’uno precede l’altra? O forse che semplicemente la scrittura palesa l’esistenza di un corpo che prima, tuttavia, non esisteva? E quindi lo conduce all’esistenza?

    MATERIALI E STRUMENTI DI LAVORO
    Qualsiasi supporto utile alla scrittura, a discrezione dei partecipanti

    DURATA E MODALITÀ
    Dalle 16.00 alle 18.00

    NUMERO PARTECIPANTI
    Massimo 30 persone


     
    Anche se questo laboratorio è al completo, magari possono interessarti gli altri, riparti da qui!