“Fuochi”, l’anteprima di CartaCarbone festival in collaborazione con Salotto Musicale

Venerdì 7 ottobre alle 21 nella Chiesa di San Gregorio “Fedra o della disperazione – Clitennestra o del crimine”, tratte da“Fuochi” di Marguerite Yourcenar.

Un’anteprima di altissimo valore culturale e di grande spessore, quella scelta da CartaCarbone come anteprima del proprio festival, in programma a Treviso dal 13 al 16 ottobre. Un preludio di qualità, che nasce dalla proficua collaborazione con Salotto Musicale e che venerdì 7 ottobre alle 21 porterà nella Chiesa di San Gregorio “Fedra o della disperazione – Clitennestra o del crimine”, tratte da“Fuochi” di Marguerite Yourcenar, nuovo spettacolo teatrale di e con Carla Stella, Monica Sichel e Gianna Casadei e le musiche originali di Francesco Mazzoleni.

Nato da una crisi passionale, “Fuochi” si presenta come una raccolta di poesie d’amore o, se si preferisce, come  una  serie di prose liriche collegate fra di loro sulla base di una certa nozione  dell’amore. L’opera della maturità, scritta nel 1935, è probabilmente la più rarefatta e insieme autobiografica di Marguerite Yourcenar. I soggetti di ispirazione classica vengono riletti fuori dalla storia, elevati da archetipi eterni da una scrittura violentemente espressionista.

In “Fedra o della disperazione” si parla dell’ossessione di Ippolito e dell’accusa di stupro. In “Clitennestra o del crimine” la Yourcenar motiva l’omicidio del marito con un amore e una gelosia che sono il vero centro, il nucleo infuocato della breve storia. Non si descrivono solo i fatti ma le motivazioni, con un lavoro registico che da valore più alla comprensione che all’adesione del personaggio. L’opera italiana ha anche un valore aggiunto:  la Yourcenar ha avuto come traduttrice Maria Luisa Spaziani. Prosa lirica o prosa d’arte? Ha poca importanza. La certezza è che è della miglior specie.

“Che il primo appuntamento del nostro festival sia a cura del Salotto Musicale è un inizio anche simbolico, che suggella la volontà di collaborazione con le realtà più interessanti della città. Fuochi e CartaCarbone: quale intreccio potrebbe essere più caloroso? Che Treviso si infiammi, allora: di racconti, letture, spettacoli, laboratori per bambini e adulti di tutte le età” , dichiara Bruna Graziani, direttrice artistica del festival e presidente dell’associazione culturale Nina Vola.

“Il Salotto musicale è un progetto culturale iniziato a Treviso nel 2010. Ha come filosofia di base quella di raccontare le cose belle della musica, della letteratura e dell’arte che succedono nel mondo. Il termine salotto infatti invita all’incontro tra amici, all’ascolto delle esperienze di persone che hanno fatto un viaggio non necessariamente fisico ma anche con la musica o le parole. Per noi significa anche apertura al nuovo, la curiosità di conoscere, l’emozione di vedere, sentire, provare. Il mondo è così ricco di stimoli e di persone interessanti. Cerchiamo con i nostri piccoli mezzi di creare un’atmosfera, di aprire nuovi sguardi, di creare dei momenti belli. Siamo felici dichiara Stefano Mazzoleni, direttore d’orchestra e direttore artistico di Salotto Musicale – di collaborare con CartaCarbone e ci auguriamo che sia l’inizio di un proficuo percorso culturale”.

 

L’evento ha ingresso a biglietto:

intero 7,00 euro – ridotto 5,00 euro

Condividi e consiglia l'articolo:

Articoli correlati

Ogni storia parla di me

Ripensando alle nostre “autobiografie impossibili”, ecco un articolo che parla del significato del racconto e dell’autobiografia, e di come in ogni forma di scrittura mettiamo sempre, inevitabilmente, noi stessi.

Buona lettura!

Leggi tutto

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato sul festival
e su tutte le attività durante l’anno!

Iscriviti alla newsletter​

Rimani aggiornato sul festival e su tutte
le attività durante l’anno!