Margherita Stevanato

Margherita Stevanato

Margherita Stevanato

Attrice e autrice di spettacoli, divide l’impegno tra teatro tradizionale e teatro sperimentale. Particolare è la sintonia con il mondo della musica contemporanea. Dalla collaborazione col M. Claudio Ambrosini sono nati: Per Euridice (testo di Luciano Menetto), sulla rivisitazione del mito di Orfeo e il recente melologo Le nevi di Mario Rigoni Stern  su un racconto del grande scrittore (eseguito in prima assoluta a Palazzo Labia per il “Premio Mario Rigoni Stern-Letteratura delle Alpi 2019”).
Da sempre attenta alla “riscoperta” dei grandi classici ha progettato e interpretato tra gli altri: Graziose donne, furbeschi amor e maraviglie dal Decameron di Giovanni Boccaccio, Eppur novissimo, o dell’ingegnoso hidalgo Don Chisciotte de la Mancha cavaliere errante e Progetto Saffo con uno studio sulla musica e la poesia delle origini. Dal suo interesse per gli autori veneti sono nati Il prete bello da Goffredo Parise e  Con le radici a terra e i rami in acqua sull’opera di Paolo Barbaro. Continua è la sua attività di lettrice, in cui unisce didattica e divulgazione presso enti pubblici e privati, come il ciclo d’incontri Leggere in giardino per la Fondazione Querini Stampalia di Venezia, e le collaborazioni con numerosi scrittori, da Fleur Jaeggy a Carla Vasio. Intorno appunto alla lettura, intesa come strumento di crescita, ha creato numerosi seminari e laboratori in cui il libro rappresenta il fulcro da cui partire per creare un percorso che susciti curiosità, interesse, passione.

 

Condividi l'articolo